Il cordoglio del mondo della politica per Raoul Casadei: “Un’icona e testimonial”

Omaggio al Re del liscio, un simbolo della Romagna e della sua contagiosa vitalità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il mondo della politica, e non solo, ricorda Raoul Casadei. “In una giornata così triste voglio pensare a quante persone, in tanti anni, hanno ballato sulle note di Raoul Casadei, artista che ha saputo reinterpretare un pezzo importante della tradizione musicale per renderla ancora più popolare, non solo in Italia ma in tutto il mondo. Il liscio è la musica più ballata in Italia ed è grazie a Raoul. Nello stringerci attorno alla famiglia per la grave perdita, esprimo il mio sincero cordoglio rendendo omaggio al Re del liscio, un simbolo della Romagna e della sua contagiosa vitalità”. Così l’assessore alla Cultura del Comune di Bologna Matteo Lepore, sulla scomparsa di Raoul Casadei.

LEGGI ANCHE: Addio al ‘re del liscio’: è morto per Covid Raoul Casadei

“Con la morte di Raoul Casadei, ennesima vittima del Covid- sottolinea Simona Vietina, deputata di Forza Italia e sindaca di Tredozio-, la Romagna perde non solo un’icona e un testimonial della propria identità ed essenza in Italia e nel mondo, ma perde anche un uomo innamorato della nostra terra, delle nostre tradizioni e della nostra cultura”. Grazie a Casadei “la musica popolare romagnola, il liscio che tanto amava e che ha portato alla ribalta sui più importanti palcoscenici, è ancora oggi apprezzata da milioni di persone ed è assurta a simbolo del calore, dell’accoglienza e della sana voglia di intrattenimento tipica della Romagna”. Su Facebook il ricordo del parlamentare Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna: “Ciao Raoul, oggi la Romagna perde prematuramente un grande, indimenticabile uomo”. “È una perdita incolmabile per tutti noi. In questo momento di grande dolore ci stringiamo intorno alla tua grande famiglia. Ti ricorderemo per sempre”, aggiunge Morrone.

Anche l’amministrazione della città di Riccione si unisce al cordoglio della famiglia Casadei per la scomparsa del testimone più illustre della musica popolare della Romagna. “Ciao Raoul- ha detto il sindaco Renata Tosi– con te la Romagna perde la propria colonna sonora. Riccione ti ricorderà nelle proprie serate estive, nella balera Verde Mare dedicata ai nostri nonni porterà nuovamente in auge il ballo liscio e necessariamente i tuoi grandi successi”.

E ancora, i parlamentari del Movimento 5 Stelle dell’Emilia-Romagna: “Ci mancherà Raoul Casadei, un uomo che ha saputo portare la voce e il cuore della Romagna in giro per tutto il mondo. Si poteva essere a New York, a Berlino o a Sidney ma bastava sentire le prime tre note di Romagna Mia per risentirsi a casa, sulla spiaggia della Riviera della propria infanzia. E non contava esser nati a Rimini o sotto la Ghirlandina o le Due Torri; la musica di Casadei rappresenta un inno per tutti gli emiliano-romagnoli”.

Per il vicesindaco di Ravenna, Eugenio Fusignani, “con Raoul Casadei scompare un altro pezzo di Romagna che ha accompagnato l’Italia in questi ultimi 50 anni. Raccogliendo il testimone di suo zio Secondo Casadei, Raoul ha contribuito a far conoscere la Romagna nel mondo, con l’allegria delle sue note e l’impegno del suo lavoro. Allegria e impegno che sono caratteristiche tipiche dei romagnoli”. Anche “per questo Raoul Casadei merita un posto nel giardino dei romagnoli che hanno fatto bene all’Italia e al buon nome della Romagna”.

Arriva anche il cordoglio di Fratelli d’Italia di Forlì-Cesena: “La sua fulgida figura di artista e uomo di Romagna rimarrà nei nostri cuori e nell’immaginario collettivo. Lo ricordiamo con orgoglio e con lo stesso orgoglio con cui Raoul aveva tramandato la memoria storica, le radici ed i valori più sani della nostra terra, promuovendola nel mondo come luogo turistico felice, intraprendente,creativo e laborioso per antonomasia. Ai suoi discendenti il compito di ereditarne il genio musicale, a noi l’orgoglio di averne propagato lo stile”. Così in una nota il coordinatore provinciale di Forlì-Cesena Roberto Petri e il vicecoordinatore Fabrizio Ragni.

Infine, Gianni Indino, presidente del Silb dell’Emilia-Romagna, si unisce al cordoglio della famiglia Casadei e porge le condoglianze “a nome dell’intero settore dei locali da ballo, che Raoul con la sua musica, con il suo genere e la sua figura, ha contribuito a fare diventare grandi e popolari. Ci lascia un pioniere che ha fatto scuola, facendo conoscere e apprezzare la Romagna nel mondo e facendo divertire e ballare milioni di persone”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»