Covid, 26.062 nuovi positivi e 317 morti: aumenta pressione su strutture ospedaliere

Il bollettino della Protezione civile e del ministero della Salute
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono 317 i decessi da coronavirus segnalati in Italia nelle ultime 24 ore dal bollettino della Protezione civile e del ministero della Salute. Un dato in calo rispetto alle 380 vittime registrate dal monitoraggio di ieri, 12 marzo. Il totale di morti per Covid-19 da inizio pandemia è arrivato a quota 101.881.

Scende anche il numero dei nuovi positivi: 26.062 contro i 26.824 del bollettino di ieri. Gli attualmente positivi oggi sono 520.061 (509.317 ieri, 497.350 due giorni fa).

Aumenta la pressione sulle strutture ospedaliere

Sono, secondo i dati diffusi da Protezione civile e ministero della Salute, 24.153 i ricoveri in area medica (23.656 ieri), 2.982 i pazienti in terapia intensiva, con 270 ingressi giornalieri (226 ieri).
Il bollettino nazionale registra poi un incremento anche delle persone in isolamento domiciliare: 492.926 contro le 482.747 di ieri. Il totale dei dimessi e dei guariti arriva a quota 2.579.896.

I tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore sono 372.944, in aumento rispetto ai 369.636 registrati dal bollettino di ieri 12 marzo.Il numero complessivo di test effettuati dall’inizio del monitoraggio è di 44.349.338. Il tasso di positività registrato è pari al 6,98%, in calo rispetto al 7,2% di ieri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»