Salvini rinvia ancora sul candidato sindaco di Milano e attacca Sala

Il segretario della Lega sollecitato sulla decisione di Beppe Sala di aderire ai Verdi Europei non si trattiene
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Nicolò Rubeis

MILANO – Lo sfidante di Beppe Sala del centrodestra in vista delle prossime comunali di Milano ancora non c’è. Il segretario della Lega Matteo Salvini, intervenuto in un punto stampa fuori dal centro vaccinale in Fiera del capoluogo lombardo, non ha voglia “di mettersi a discutere di sindaci con le scuole chiuse“, rimandando la discussione “ad aprile”, o comunque “a quando gli italiani potranno uscire di casa”. Sollecitato invece sulla decisione di Beppe Sala di aderire ai Verdi Europei non si trattiene: “È la svolta ‘gretiana’ di chi aspettava una nomina dal Pd che non è arrivata”, afferma, riferendosi a Sala e ai “richiami dall’estero di segretari di partito”, ovvero Enrico Letta. Insomma, “sono beghe interne al Pd lontane dal sentimento popolare“, ma per il leader del Carroccio, “per dirsi ambientalista bisogna esserlo nei fatti e non mettendo in giro due piste ciclabili che creano solo problemi”.

Nel mirino di Salvini in particolare c’è la ciclabile di Corso Buenos Aires: “Uno che la mette lì, in mezzo alle fermate degli autobus e allo scarico merci dei camion non è ambientalista, è solo uno poco furbo”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»