Coronavirus, Maggino: “A palazzo Chigi già al lavoro per preparare il rilancio”

Filomena Maggino, presidente della cabina di regia Benessere Italia a palazzo Chigi, intervistata dalla Dire
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Oltre alla gestione dell’emergenza, a palazzo Chigi c’e’ gia’ chi sta lavorando al dopo, a quando il coronavirus sara’ alle spalle. “Cerchiamo di avere uno sguardo un pochino piu’ in la’, perche’ la ripresa non sara’ facile per nessuno e quindi bisogna gia’ organizzarla“.

Filomena Maggino, presidente della cabina di regia Benessere Italia a palazzo Chigi, spiega in una intervista alla Dire che “la cabina sta diventando un riferimento per molte aziende che si vogliono mettere a disposizione del Paese“.

Ecco alcuni esempi: “Abbiamo avviato una collaborazione con l’azienda farmaceutica Chiesi che ha acquistato dei disinfettanti e ci ha chiesto come potevano essere messi a disposizione. Noi abbiamo identificato una categoria di persone che e’ quella che in questo momento sta consentendo alle persone e alle merci di muoversi in Italia, ovvero gli autotrasportatori e il personale viaggiante delle ferrovie. Nelle prossime ore organizzeranno il trasporto e la consegna di flaconi di disinfettante ad uso personale”.

Maggino sta lavorando a una raccolta fondi per acquistare respiratori per gli ospedali insieme a delle associazioni, come Anci e Asi (Automotoclub storico italiano) per affrontare questa emergenza, “ma anche di avere uno sguardo un pochino piu’ in la’, perche’ la ripresa non sara’ facile per nessuno e quindi bisogna gia’ organizzarla“.

Non solo. Benessere Italia, spiega ancora Maggino, “sta verificando di poter avviare delle iniziative informative per particolare aree e gruppi di popolazione: su questo penso che le prossime ore saremo piu’ chiari e dettagliati”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»