Coronavirus, a Roma dal 14 marzo il servizio bus e metro termina alle 21

Tpl passa a orario estivo, servizio taxi ridotto del 33%
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Parte il nuovo piano di trasporto pubblico a Roma in considerazione dell’emergenza sanitaria e per contenere la diffusione del virus Covid-19. Roma Capitale ha adottato il programma di esercizio presentato da Atac e Roma Tpl che prevede l’ultima corsa di metro, bus e tram alle 21 e la riduzione estiva dei trasporti. La rimodulazione tiene conto del calo della domanda ed è in linea con quanto previsto dal decreto ministeriale. A partire da domani il servizio di superficie e metropolitano sarà interrotto alle 21 e riprenderà al mattino. Inoltre sarà operativa la riprogrammazione del servizio di superficie con orario estivo. Già da oggi è sospeso il servizio notturno di superficie (maggiori dettagli sono reperibili sul sito https://www.atac.roma.it/). In ottemperanza all’ordinanza della Regione Lazio saranno garantiti i servizi minimi essenziali privilegiando l’integrazione tra le varie modalità, favorendo quella con minore possibilità di contatto tra persone e scegliendo, tra più soluzioni atte a garantire sufficienti servizi di trasporto, quella che permetta maggiore superficie disponibile per i viaggiatori e comunque almeno un metro di distanza tra i passeggeri. Obiettivo garantire la massima sicurezza per utenti e operatori. Le aziende di Tpl manterranno i livelli di servizio adeguati sulle linee di superficie che consentono collegamenti con le strutture sanitarie e ospedaliere e con le realtà produttive in servizio. Inoltre per il trasporto pubblico non di linea l’amministrazione capitolina ha previsto, in accordo con il nuovo quadro generale della mobilità delineato sulla base di quanto disposto dall’ordinanza della Regione Lazio, una riduzione del 33 per cento del servizio taxi. Tali provvedimenti sono stati condivisi con la Regione Lazio seguendo un programma preciso e strutturato.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»