Coronavirus, Liberisti Italiani: “Stop F24, in tutto il Paese”

"Non esistono distinguo, tetti e altre alchimie"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Raccogliamo l’appello di Sos partita Iva e di Francesco Brusco, responsabile del settore fiscale nazionale di FenImprese e il grido d’allarme di tutto il mondo produttivo italiano: ora #stopF24. Il governo fermi qualsiasi pretesa e scadenza fiscale e contributiva su tutto il territorio nazionale, l’Italia è zona rossa!”. Così il presidente di Liberisti Italiani, Andrea Bernaudo, rispetto alle anticipazioni sul decreto che il governo sta per rendere noto in merito ai provvedimenti economici e fiscali per l’emergenza #coronavirus.

“Non esistono distinguo, tetti e altre alchimie- continua Bernaudo- La situazione è assolutamente di impedimento per causa di forza maggiore. Cos’altro deve accadere per fermare il fisco, la Pandemia e la chiusura forzata delle aziende non basta? Ricordiamo al governo- spiega il presidente di Liberisti Italiani- che in base al decreto legge 472 del 1997 -Disposizioni generali in materia di sanzioni amministrative per le violazioni di norme tributarie – all’articolo 6 comma 5 è chiarito che tra le cause di non punibilità si prevede: ‘La violazione (il mancato pagamento di tasse) non è punibile per chi ha commesso il fatto per forza maggiore’. La moratoria deve essere annunciata con somma urgenza e applicata analogamente a come si sono annunciati e applicati gli scorsi decreti. Non si aspetti ancora mezzanotte per far tirare un respiro alla nostra economia, perché ci vuole anche rispetto. Se facciamo soffocare le attività produttive, dopo questa crisi soffocheremo tutti. E non scriva un decreto bizantino- conclude Bernaudo- per non far capire nulla a nessuno. L’Italia sta dimostrando di avere la schiena dritta, ora lo dimostri anche il governo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»