Giornale radio sociale, edizione del 13 marzo 2020

Giornale radio a cura di http://www.giornaleradiosociale.it/
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

SOCIETA’ – #EscoSoloPerDonare. La donazione di sangue continua a essere un gesto di grande responsabilità: ogni giorno 1.800 persone necessitano di trasfusioni per poter sopravvivere. Il ministero della Salute ha riconosciuto ai volontari la possibilità di svolgere il proprio compito come una delle “situazioni di necessità”.

SPORT – Emergenza collaboratori sportivi. Cgil, Cisl e Uil hanno scritto al ministro Spadafora per chiedere sostegno anche per i collaboratori del settore sportivo. Il servizio di Elena Fiorani
I sindacati di categoria, insieme alle federazioni del lavoro atipico, hanno scritto una nota con cui evidenziano che l’emergenza coronavirus mette a rischio oltre 500mila collaboratori che operano nel settore sportivo. Il fronte sindacale si mostra compatto nel chiedere che siano anch’essi beneficiari del sostegno al reddito straordinario e in deroga, così come contemplato per i tutti gli altri lavoratori dagli interventi normativi adottati dal Governo. I sindacati hanno una interlocuzione aperta con il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, alla luce delle ultime disposizioni dell’Esecutivo sulla chiusura di tutte le attività sportive su tutto il territorio nazionale, misura che, se pur utile a contrastare l’epidemia Covid 19,  rischia di trasformarsi in una vera emergenza sociale per decine di migliaia di addetti.

ECONOMIA – Crac sociale. Sono a rischio 200 mila occupati che erogano servizi di welfare a 6 milioni di italiani. Lo scrivono Confcooperative – Federsolidarietà, LegacoopSociali, Agci Solidarietà insieme ai tre sindacati confederali in una lettera al Presidente del Consiglio, ai ministri del Lavoro e dell’Economia, ai presidenti della Conferenza Stato Regioni, dell’Anci e dell’Upi per lanciare l’allarme sui presidi sociosanitari, sociali ed educativi che il mondo della cooperazione sociale sta garantendo.

DIRITTI – In aiuto degli ultimi. Decine di migliaia di persone senza fissa dimora e in condizioni di fragilità ed emarginazione restano escluse dalle misure di prevenzione sanitaria per la pandemia. Per queste ragioni l’associazione umanitaria indipendente MEDU, Medici per i diritti umani, ha rivolto un appello al governo e alle autorità sanitarie affinché si prevedano piani d’azione specifici per proteggere i gruppi di popolazione più vulnerabili.

CULTURA – Capolavori da remoto. Si moltiplicano in questi giorni di emergenza le iniziative culturali di “resistenza”. Uffizi a Firenze, Museo egizio a Torino, Museo Etrusco a Roma. I direttori organizzano tour virtuali tra le grandi opere che in questo momento non si possono vedere fisicamente. Tra le iniziative quella del direttore generale della Pinacoteca di Brera, James Bradburne che lancia la sua speciale galleria a distanza. Ascoltiamolo.

INTERNAZIONALE –  L’altro tricolore. Dal prossimo lunedì anche la Francia chiuderà scuole e università a causa del coronavirus. È la risposta, secondo molti giudicata tardiva, del governo di Parigi, per cercare di contenere il contagio. Chiusure anche in Belgio e Portogallo, restrizioni a livello locale in Germania, mentre in Spagna sono state isolate quattro città nella provincia di Barcellona. Una situazione inedita e in continua evoluzione.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»