Intimidazioni a Cifarelli, fermato un 50enne a Matera

Sarebbe il responsabile del danneggiamento dell'automobile del consigliere regionale Roberto Cifarelli (Pd) avvenuto la notte dello scorso 3 marzo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – È un cinquantenne di Matera il responsabile del danneggiamento dell’automobile del consigliere regionale Roberto Cifarelli (Pd) avvenuto la notte dello scorso 3 marzo, quando esplose una bomba carta posizionata sulla sua auto parcheggiata nei pressi della sua abitazione.

LEGGI ANCHE: Bomba carta sull’auto di Cifarelli a Matera

L’uomo, un imprenditore edile, è stato fermato dalla polizia nell’ambito delle indagini coordinate dalla procura della Repubblica della città dei Sassi. L’accusa è di detenzione e porto di sostanze esplosive e tentata estorsione. Secondo quanto si è appreso, l’imprenditore, in difficoltà economiche, si sarebbe rivolto al capogruppo del Pd chiedendogli di intervenire nei confronti di un altro imprenditore di Matera, per convincerlo ad acquistare degli appartamenti costruiti nel Metapontino. Quest’ultimo avrebbe poi denunciato alla polizia la tentata estorsione. La Digos e la squadra mobile hanno così avviato le indagini che hanno portato al fermo. Sono in corso ulteriori accertamenti per identificare il coinvolgimento di eventuali altre persone che avrebbero aiutato l’autore del gesto intimidatorio.

LEGGI ANCHE: Bomba carta sull’auto di Cifarelli a Matera

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»