Coronavirus, il Veneto limita il trasporto pubblico: “Solo corse essenziali”

Zaia firma due ordinanze per limitare il trasporto su terra e su gomma: corse ridotte e prescrizioni per rispettare le distanze di sicurezza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

VENEZIA – Ridurre più possibile il trasporto pubblico, pur mantenendo il servizio per i flussi pendolari e garantendo la possibilità di raggiungere presidi sanitari e punti di interscambio, e rispettando le prescrizioni in termini di droplet, ovvero la distanza di sicurezza tra i passeggeri e tra gli operatori. Questo quanto previsto da due ordinanze, una per il trasporto su gomma e una per il trasporto su terra, emanate oggi dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia e valide fino al 25 marzo.

LEGGI ANCHE: L’emergenza Coronavirus durerà fino a giugno

Le misure da adottare all’interno di bus, mezzi di trasporto acquei e convogli ferroviari devono garantire le necessarie distanze di sicurezza, a tutela dei passeggeri e del personale, e potranno prevedere, tra l’altro, il divieto di bigliettazione a bordo, spiega una nota della Regione.

L’ordinanza dispone poi che enti e società infrastrutture venete trasmettano entro il 17 marzo una relazione alla direzione regionale infrastrutture e trasporti, spiegando le misure adottate e i risultati delle verifiche sulle scelte effettuate, che potranno poi essere rimodulate in base all’evolversi della situazione.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, le regole per gli anziani per superare l’emergenza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»