Atterrato a Fiumicino il volo dalla Cina con medici e dispositivi

Rocca (Croce Rossa Italiana): "Con il cargo non risolviamo tutto, ma è risposta rapida e concreta"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – È atterrato ieri sera all’aeroporto di Fiumicino il volo proveniente dalla Cina con 9 esperti e un grande carico di aiuti inviato dalla Croce Rossa Cinese alla Croce Rossa Italiana – Italian Red Cross, che veicolerà i materiali al Governo e in parte distribuirà i dispositivi tra i volontari dell’Associazione impegnati nell’emergenza Coronavirus. Sul volo, fa sapere Aeroporti di Roma, “9 bancali con ventilatori, materiali respiratori, elettrocardiografi, decine di migliaia di mascherine e altri dispositivi sanitari.

I nove esperti, capitanati dal vicepresidente della Croce Rossa cinese, Yang Huichuan, e da Liang Zongan, illustre professore di rianimazione cardiopolmonare, sono rianimatori, pediatri, infermieri e figure che hanno gestito l’emergenza Coronavirus in Cina. Il gruppo sarà ospitato dalla Croce Rossa Italiana”.

Presenti ad accogliere il volo l’ambasciatore cinese a Roma, Li Junhua, e Francesco Rocca, presidente della Croce Rossa Italiana. “Il Movimento internazionale della Croce Rossa ha dimostrato una volta ancora l’importanza di fare rete- ha sottolineato Rocca- Grazie alla consorella cinese, infatti, possiamo dare una prima concreta risposta alle necessità dei nostri ospedali e degli operatori sanitari che, in questo momento, sono in grande sofferenza. Non risolviamo tutto con questo cargo ma, certamente, si tratta di una risposta concreta e rapida, attivata nel giro di 48 ore. Molto importante la presenza del team di esperti che potranno portare le loro conoscenze ai nostri sanitari- ha concluso- al fine di confrontarsi per un obiettivo comune: sconfiggere il virus”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»