Cosa si legge a Roma, la classifica del 13 marzo

L'emergenza coronavirus cambia la classifica: tornano 'La peste' di Camus e 'Cecità' di Saramago; tra le novità 'I baffi' di Emmanuel Carrère
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

  • Il commento

L’emergenza coronavirus cambia la classifica dei libri più venduti. I lettori sono alla ricerca di opere che parlano di virus e pandemie: nella narrativa tornano ‘La peste’ di Albert Camus e ‘Cecità’ di José Saramago, mentre tra i saggi spicca ‘Spillover’ di David Quammen, che racconta da vicino i cacciatori di virus. Tra le novità ‘I baffi’ di Emmanuel Carrère, che fu il terzo romanzo dello scrittore francese, uscito nel 1986, romanzo grottesco e inquietante. Le altre posizioni sono quasi invariate, con i libri di Gianrico Carofiglio, Antonio Manzini, Elena Ferrante,  Georges Simenon, Sandro Bonvissuto, Stefania Auci, Gian Mauro Costa e Guido Maria Brera.

  • Da non perdere

Frédéric Pajak – Manifesto incerto (L’Orma)

E’ incerto come il nostro tempo presente – “orfano del proprio passato quanto dissipato di un futuro improbabile” – questo Manifesto, o saggio grafico come l’ha definito Le Nouvel Observatour, di Frédéric Pajak, ennesima felice scoperta della casa editrice L’Orma. Lo scrittore francese, mescolando episodi autobiografici con quelli di Walter Benjamin, ricostruisce alcuni “momenti fatali” (per dirla alla Zweig) del Novecento europeo attraverso quasi duecento tavole in bianco e nero, accompagnate da frasi, riflessioni, aneddoti. Oltre a Benjamin, nel Manifesto trovano spazio Beckett, Celine, Ernst Toller, Camus e ancora Parigi, Capri, la Sicilia. Leggere Manifesto incerto (questo è il primo volume di una lunga serie) significa colmare lo sconfortante vuoto del presente con la bellezza del passato, con la sua forza, non per evocarlo come un cliché, ma per farne tesoro nei momenti incerti della vita, proprio come quelli che stiamo vivendo.

  • Fuori classifica consigliati

Marija Stepanova – Memoria della memoria (Bompiani)

Judith Schalansky – Inventario di alcune cose perdute (Nottetempo)

Nathalie Léger – Suite per Barbara Loden (La Nuova Frontiera)

Karl Ove Knausgard – Fine (Feltrinelli)

Renzo Paris – Miss Rosselli (Neri Pozza)

  • Fiere, festival e rassegne a Roma

♦ A causa del decreto governativo per il contenimento del coronavirus, sono sospese manifestazioni, eventi e spettacoli.

  • Segnalibro

Top 20

01

02

03

04

05

06

07

08

09

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest

Nota

La classifica è il risultato delle vendite nella settimana tra il 2 e l’8 marzo 2020, nelle librerie Feltrinelli di Roma e provincia.

Il confronto è con la classifica di tutte le Feltrinelli d’Italia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»