Renzi: “Al Lingotto è tornata la politica”

Nelle Enews, Renzi tira le fila della kermesse Lingotto '17
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Enews di questa settimana tutta dedicata molto semplicemente a inviare un grandissimo grazie a chi ha reso il Lingotto ’17 un’esperienza davvero entusiasmante. Ormai da settimane gli addetti ai lavori facevano solo chiacchiere autoreferenziali, polemiche interne, scandali veri o presunti. Al #Lingotto è tornata la politica. Dodici tavoli di discussioni accese, appassionate, intriganti. Relazioni di grande livello da parte di professori, esponenti delle istituzioni, cittadini, volontari del sociale. E soprattutto un clima bello, di passione civile, ricco di desideri positivi per il futuro dell’Italia e dell’Europa”. Lo scrive Matteo Renzi nella Enews.

“Il lavoro svolto a Torino – ben coordinato da Tommaso Nannicini – permetterà di scrivere tutti insieme la mozione congressuale che dalla settimana prossima e fino al 2 aprile sarà discussa dentro i circoli del Partito Democratico- aggiunge-. E che poi costituirà la base per le Primarie del 30 aprile”. “Il simbolo è il trolley perché continueremo senza enfasi e senza troppa visibilità il nostro viaggio nell’Italia profonda. Quel viaggio che – ad esempio – ci ha permesso di conoscere la storia di Vincenzo Linarello e della Goel, straordinaria realtà di impegno civile sociale ed economico nella Locride. Quel viaggio che nei prossimi giorni proseguirà nel cuore del nostro Paese”, conclude.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»