Terremoto, Silvestrini (Cna): “Modello marchigiano per ricostruire” VIDEO

Esiste "un modello marchigiano votato al pragmatismo, alla trasparenza e alla voglia e all'energia di farcela"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ASCOLI PICENO  – “Il modello marchigiano per ricostruire il territorio e il riconoscimento del danno indiretto per far ripartire le imprese” spiega il Segretario generale della Cna nazionale Sergio Silvestrini, intervenuto ad Ascoli Piceno al convegno ‘Ripartire, Ricostruire, Ricominciare’. E Silvestrini individua in queste due direttrici la strada per far ripartire i territori colpiti dal sisma e le piccole medie imprese che costituiscono il cuore del tessuto socio-economico marchigiano.


“La priorita’ delle priorita’ e’ riconoscere alle imprese alcuni diritti: l’aiuto bancario, finanziario e fiscale oltre alla diminuzione del prelievo contributivo– spiega Silvestrini alla Dire- Occorre poi costruire aree di insediamento produttivo e dare la possibilita’ alle imprese di delocalizzare anche fuori dal cratere”. Fondamentale “poi il riconoscimento del danno indiretto per migliaia di imprese che negli ultimi 6 mesi hanno visto ridotto il proprio fatturato del 50%. Serve un ristoro di natura economica ma anche un segno di vicinanza dello Stato per agevolare la rinascita”.

Nel corso del convegno a cui, oltre al direttore dell’ufficio Ricostruzione Cesare Spuri e al deputato Luciano Agostini (Pd), hanno partecipato anche tecnici e professori universitari, Silvestrini si dice fiducioso. “Un convegno di proposte. Mi pare- sottolinea- che sia stato un buon momento per una riflessione dello stato dell’arte e per avanzare proposte per ricostruire questo territorio. C’e’ stata una valutazione comune delle difficoltà che si stanno incontrando ma anche una valutazione comune sulle possibilita’ di uscirne al meglio”.

Le Marche “hanno avuto nel ’97 un’esperienza drammatica del terremoto e hanno reagito brillantemente: c’e’ un modello marchigiano votato al pragmatismo, alla trasparenza e alla voglia e all’energia di farcela”.

di Luca Fabbri, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»