Costa d’Avorio, un anno fa l’attacco alla spiaggia per turisti

A sparare quel giorno furono in tre. Ma gli arrestati sono 38, e sarebbero stati catturati anche tre registi della strage
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un anno fa nella località costiera di Grand-Bassam un attentato contro un resort per turisti gettò per la prima volta la Costa d’Avorio nell’incubo del terrorismo. Il paese africano oggi ricorda le 16 vittime di quella giornata – più tre membri della sicurezza – con un minuto di silenzio alle 12,45 (le 13,45 in Italia). La stampa internazionale fa invece il punto sulle indagini: 38 persone arrestate, alcune in operazioni condotte anche in Mali, Senegal e Burkina Faso. D’altronde il commando di tre uomini armati che aprì il fuoco contro dei civili inermi faceva capo ad Al-Qaeda nel Maghreb islamico (Aqmi) e Al-Mourabitoune, gruppi armati che agiscono in questa regione dell’Africa subsahariana.

Una fonte del ministero dell’Interno ha confermato a ‘Radio France internationale’ che le forze di sicurezza ivoriane sono riuscite a catturare anche tre dei registi dell’attacco a Grand-Bassam. Nel quadro delle stesse indagini è stato aggiunto qualche tassello anche per gli attacchi condotti all’hotel Radisson di Bamako e al ristorante di proprietà di un italiano, il ‘Capuccino’, a Ouagadougou, avvenuti alcuni mesi prima, rispettivamente a novembre 2015 e gennaio 2016. Un passo avanti importante, che apre “forti speranze per la lotta al terrorismo”, ma che per i rappresentanti di Yamoussoukro non sarebbe stato possibile senza la proficua collaborazione con l‘intelligence francese, marocchina e algerina. Tuttavia, mancherebbe ancora un uomo all’appello: un volto catturato dai video delle telecamere di sorveglianza dell’aeroporto di Abidjan. Ma ad oggi Kounta Dallah sfugge ancora agli investigatori.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»