La Caritas di Forlì invita dieci giovani dalle zone di guerra

Si tratta di cinque palestinesi e cinque israeliani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

israele_palestinaROMA  – Da oggi fino al prossimo 20 marzo, una delegazione di dieci ragazzi, cinque israeliani e cinque palestinesi sara’ ospite a Forli’ per una settimana. Lo si apprende da una nota stampa divulgata dalla Caritas diocesana e diffusa dagli organi di stampa cattolica. I ragazzi vivranno insieme, confrontandosi fra loro e con i ragazzi e le ragazze italiani. Parteciperanno ai workshop organizzati e guidati, visiteranno la citta’ e alcuni luoghi importanti e significativi come il museo interreligioso di Bertinoro e il parco storico di Montesole. Il progetto, denominato ‘Fiori di pace’ e’ ideato e promosso dalla rivista Confronti e prevede l’incontro tra giovani adolescenti israeliani, palestinesi e italiani “in un contesto neutrale che facilita il dialogo e il confronto delle esperienze di vita personali finalizzato alla conoscenza e alla comprensione del punto di vista dell’altro e all’individuazione di strategie non violente nella gestione di situazioni conflittuali”.

Un’opportunita’ d’incontro impraticabile nei loro paesi di origine dove il perdurare del conflitto fra i due popoli “genera e alimenta paure, pregiudizi, risentimento quando non odio e desiderio di vendetta. Diventa allora importante la conoscenza degli altri componenti del gruppo ‘nemico’ per estendere gli orizzonti e la consapevolezza della realta’”. Sabato 19 marzo, alle ore 17.30, presso il chiostro di San Mercuriale (piazza Saffi), si terra’ una preghiera per la pace con i rappresentanti delle comunita’ religiose ed etniche della citta’ di Forli’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»