Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Laurito (Velina Rossa): “Federico Caffè non avrebbe approvato governo ‘Arlecchino'”

giuramento draghi 3
Pasquale Laurito, l'autore della Velina Rossa, invita alla prudenza nell'accostare l'economista keynesiano vicino a Berlinguer al presidente del consiglio Mario Draghi, che ebbe Caffè come relatore della tesi di laurea
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Federico Caffè non avrebbe approvato questo governo ‘Arlecchino’. Pasquale Laurito, l’autore della Velina Rossa, invita alla prudenza nell’accostare l’economista keynesiano vicino a Berlinguer al presidente del consiglio Mario Draghi, che ebbe Caffè come relatore della tesi di laurea (“Sul Piano Werner per l’unione monetaria”, nel 1970) e primo maestro.
“A Carnevale ogni scherzo vale: è nato il governo Arlecchino che indossa tutti i colori a disposizione e che si illude che tutto può essere risolto con l’autoritarismo mascherato da democrazia, ma solo a parole”, dice Laurito alla Dire. Il decano della Stampa parlamentare ricorda di essere stato testimone diretto degli incontri tra Caffè e Berlinguer a Botteghe Oscure. “Il professore entrava dal garage, alle 13, per non dare nell’occhio. E io che lo sapevo mi facevo trovare per sapere se c’erano novità. Lui mi invitava a non rivelare quel nostro segreto e io, ovviamente, non ho mai tradito la parola data”. Ma cosa direbbe Caffè della crisi politica e del governo che nasce oggi? “Che c’è un affannarsi a mettere da parte la politica. In parte provocato dagli stessi protagonisti. Leggendo oggi la reazione delle segreterie dei pochi partiti rimasti in vita sembra di trovarsi di fronte a un ‘mea culpa’ continuo. Ad iniziare dal Pd che dovrebbe dimostrare una preparazione al di sopra degli altri e che invece appare suggestionato dalle parole di chi oggi è al comando del Paese. Nessuno mette in dubbio la preparazione economica e politica del presidente Draghi, ma non si può accettare ancora la bocciatura dei partiti e degli ideali che hanno dato vita alla Repubblica italiana”.

Per quanto i tecnici possano aiutare l’Italia a risollevarsi, “è compito precipuo della politica dare rappresentanza al corpo elettorale. Agli italiani. I politici non possono mancare questo obiettivo tirandosi indietro. E più di tutto non può farlo il Pd mescolando quei valori a quelli contrari”, dice Pasquale Laurito. “Il paese – aggiunge – non è diventato salviniano. La fretta di mescolare il sovranismo con la democrazia europea da parte degli attuali dirigenti politici ci fa tremare soprattutto per la superficialità con cui si passa a un’idea della politica come incapacità di decidere. Assenza di decisione. Evidentemente la lezione di questi ultimi anni non è servita. Ma noi rimaniamo fedeli ai nostri principi democratici“.
Il ricordo di Caffè, “dell’uomo che scrisse il quesito sulla scala mobile, che di quella delusione ha sofferto tanto, e che ha speso la vita per un’economia a favore dei più deboli, non va confuso con le vicende odierne. Non lo si usi per mascherare l’attualità. Caffè rimane il grande professore. Gli studenti, semplici laureati”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»