fbpx

Tg Pediatria, edizione del 13 febbraio 2020

– DIETE RESTRITTIVE PER 7% ITALIANI, ALLERTA DANNI NEUROLOGICI IN FETI

Diete vegetariana e vegana sono realtà con cui i medici italiani devono confrontarsi. Lo confermano i dati Eurispes, che individuano come vegetariani il 5% degli italiani, mentre i vegani sono il 2%. La questione non è più trascurabile per Andrea Vania, responsabile del Centro di Dietologia e Nutrizione pediatrica al Policlinico Umberto I di Roma, che allerta i medici sui possibili danni neurologici nei feti. 

– FINO A 2.000 LITRI L’ANNO IN BANCA LATTE PALERMO

Fino a 2.000 litri di latte materno raccolti in un anno grazie a una media di circa trenta donatrici nell’arco di 12 mesi. Sono i numeri della Banca del latte umano che ha sede presso l’Unità operativa di Pediatria e Neonatologia dell’Ospedale Buccheri La Ferla di Palermo. I dati sono stati resi noti dalla responsabile Iwona Kazmierska, che spiega una differenza tra chi è stato allattato e chi no.

– ANAFILASSI, TRA GIOVANI RICOVERI AUMENTATI 7 VOLTE IN 10 ANNI

L’anafilassi interessa soprattutto le fasce più giovani della popolazione (0-14), per cui “sono aumentati di 7 volte negli ultimi 10 anni i ricoveri ospedalieri” relativi alle reazioni allergiche gravi. Con un chiaro aumento anche in termini di “reazioni allergiche letali”. L’European Anaphulaxis Registry riporta come tra “luglio 2007 e marzo 2015 l’anafilassi sia stata identificata in 1.970 pazienti” minori di 18 anni. Gli incidenti si verificano in casa nel 46% dei casi e il 19% all’aperto, e i prodotti alimentari “sono stati l’innesco più frequente (66%)”. Ai microfoni della Dire ne parla Stefano Romero, presidente della Simeup Lazio.

– SINPIA: PER ADOLESCENTI MANCA RISPOSTA SU TERRITORIO

Nell’ambito dell’accesso ai servizi territoriali una “delle emergenze più rilevanti degli ultimi anni riguarda i disturbi psichiatrici in adolescenza che non riescono ad avere una risposta mirata, adeguata e intensiva sul territorio e in strutture come i centri diurni. I minori rischiano di arrivare allo scompenso acuto e, di conseguenza, ad avere bisogno del ricovero ospedaliero e/o dell’inserimento in strutture residenziali terapeutiche”. Così Antonella Costantino, presidente della Sinpia fa il punto sulle criticità, anche in tema di posti letto, nell’ambito della Neuropsichiatria infantile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

13 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»