A Milano torna ‘I Boreali’, il festival delle culture nordiche

Dal 27 febbraio all'1 marzo, al Teatro Franco Parenti, grandi scrittori come Jan Brokken, Fredrik Sjoberg, Janne Teller
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Quattro giorni in compagnia dei più grandi scrittori del Nord Europa, come Jan Brokken, Fredrik Sjoberg, Janne Teller, Bergsveinn Birgisson. Dal 27 febbraio all’1 marzo ritorna al Teatro Franco Parenti di Milano, ‘I Boreali‘, la più grande manifestazione italiana dedicata alle culture nordiche, organizzata dalla casa editrice Iperborea in collaborazione con il Parenti e con il patrocinio del Comune di Milano. La rassegna è stata presentata alla libreria Verso Libri, alla presenza dell’assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno.

Lo scrittore olandese Jan Brokken inaugurerà il festival con l’attesissimo ‘I Giusti’ (Iperborea), il suo nuovo libro incentrato sul la storia di Jan Zwartendijk, console olandese in Lituania, che, durante il secondo conflitto mondiale, organizzò l’espatrio attraverso la Transiberiana di più di ottomila ebrei in una delle operazioni di salvataggio più incredibili e ingiustamente dimenticate d ella storia (con Elena Loewenthal, giovedì 27 febbraio ore 18.30). Nei giorni successivi si susseguiranno la scrittrice danese Janne Teller che racconterà ad Alessandro Zaccuri i l suo ultimo libro ‘È la mia storia’ (Feltrinelli) un’indagine acuta del ruolo dell’editore e delle difficili decisioni che si trova a prendere, in bilico tra etica del lavoro, utilitarismo e timore delle conseguenze (domenica 1 marzo, ore 18.15). Lo scrittore e bluesman norvegese Levi Henriksen, con il suo nuovo romanzo ‘Il lungo inverno’ di Dan Kaspersen (Iperborea) una storia di disperazione, amore e musica ambientata in una piccola comunità della campagna norvegese e commentata con il consueto humor dall’autore, dialogherà con Natascha Lusenti (venerdì 28 febbraio ore 19). Il programma continua con lo scrittore entomologo svedese, Fredrik Sjöberg, che racconterà, insieme a Matteo Bordone, ‘Mamma è matta, papà è ubriaco’ (Iperborea) il nuovo eccentrico viaggio dell’autore svedese sulle tracce del pittore dimenticato Anton Dich (sabato 29 febbraio ore 17); la scrittrice danese Dorthe Nors, una delle voci più originali della letteratura nordica contemporanea, di cui è uscito recentemente ‘Angolo cieco’ (Bompiani) dialogherà con Lorenza Gentile (sabato 29 febbraio ore 15.45); lo scrittore islandese Bergsveinn Birgisson, in dialogo con Alessandro Vanoli a partire dal suo libro ‘Il vichingo nero’ (Iperborea), un’indagine su uno straordinario personaggio vissuto nel IX secolo d.C., uomo di mare, cacciatore e viaggiatore da molti considerato il re dell’Atlantico e probabile fondatore dell’Islanda (domenica 1 marzo ore 17).

Tra gli approfondimenti letterari, in collaborazione con La Lettura – Corriere della Sera , ‘Scrivere per i grandi e scrivere per i piccoli’, un incontro dedicato alla letteratura per ragazzi, con Janne Teller e Nadia Terranova in dialogo con Severino Colombo( domenica 1 marzo ore 15.45). Infine, la rassegna cinematografica di questa edizione è dedicata alla regista danese premio Oscar Susanne Bier.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»