Gualtieri: “Renzi non strappa, i nostri titoli vanno a ruba”. E assicura: “Nessun aumento dell’Iva”

“Stiamo lavorando a una riforma dell’irpef, ma non è nostra intenzione fare cassa sull’iva", dice il ministro dell’economia a ‘Omnibus’ su La7
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “No, Renzi non strappa. I mercati capiscono quando i litigi sono inutili, hanno capito che questo governo sarò stabile e i nostri titoli stanno andando a ruba”. Lo dice Roberto Gualtieri, ministro dell’economia, a ‘Omnibus’ su La7.

A GENNAIO PRODUZIONE IN CRESCITA, SIAMO FIDUCIOSI

“I nostri indicatori ci danno per gennaio una situazione di ripresa e di recupero. I dati ci dicono che a gennaio la produzione dovrebbe salire e anche il pil, ma dobbiamo sapere ancora quanto. Parliamo di un rimbalzo a gennaio e siamo fiduciosi che l’economia possa ripartire. Ma il governo deve anche agire”, prosegue Gualtieri.

LAVORIAMO A RIFORMA IRPEF, NESSUN AUMENTO IVA

“Stiamo lavorando a una riforma dell’irpef ma non pensiamo di aumentare l’iva. Non è nostra intenzione fare cassa sull’iva, ci potra’ forse essere qualche lieve rimodulazione”, e aggiunge: “Pensiamo di disattivare le clausole sull’iva ereditate, le abbiamo gia’ ridotte e le vogliamo eliminare”.

CALO DEBITO PUBBLICO NOSTRO OBIETTIVO

“I nostri dati sono un po’ migliori pensiamo che quello che abbiamo detto avverrà e il debito pubblico inizierà a calare- dice il ministro dell’economia- Noi stiamo facendo scendere il debito ed è il nostro obiettivo”.

AL LAVORO PER IL DOPO QUOTA 100

“Noi dobbiamo affrontare una situazione che si deteriorerà. Dopo Quota 100 saranno necessari degli interventi garantendo l’equilibrio della finanza pubblica Si figuri se io adesso mi metto a dare i numeri. Dico a tutti non date i numeri, stiamo facendo un lavoro serio e si tireranno le somme piu’ avanti. Dobbiamo ridurre gli annunci, rimboccarci le maniche e lavorar e insieme”. E conclude: “Io la spesa sanitaria non la taglio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»