VIDEO | Sanremo, Salvini contro Virginia Raffaele per le ‘invocazioni di Satana’ durante lo sketch

https://youtu.be/yOLwlgcqA_s ROMA - “Capisco e condivido le preoccupazioni espresse da don Aldo Buonaiuto”. Lo dichiara il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Il religioso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Capisco e condivido le preoccupazioni espresse da don Aldo Buonaiuto”. Lo dichiara il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Il religioso è responsabile del Servizio nazionale anti-sette e si è detto “allibito” per lo sketch di Virginia Raffaele al Festival di Sanremo. La co-conduttrice, ha detto don Aldo, ha pronunciato “per ben cinque volte la parola Satana” durante una scenetta.

Salvini aggiunge: “Non sottovalutiamo il problema delle sette sataniche, con tutti i problemi connessi. Ascoltiamo con attenzione gli esperti che ci aiutano a combattere il fenomeno”.

LEGGI ANCHE: Don Vitaliano: “Salvini strumentalizza la fede, è come i terroristi”

SANREMO. MARTINA A SALVINI: PROBLEMA SETTE? MINISTRO, PROVI A LAVORARE

“Ministro, provi un po’ a lavorare dai, anziché spiegarci il problema delle sette. Ci dica perché con la vostra manovra 100mila persone perderanno l’assegno di ricollocamento al lavoro. E ci dica perché il suo governo blocca la Tav e tutte le opere strategiche (vedi Passante di Bologna ad esempio). State facendo disastri. E lei si preoccupa ancora di Sanremo”. Lo scrive su facebook Maurizio Martina (Pd).

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»