Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Regionali, Grippo: “In campo per Zingaretti, le cose possono cambiare”

"Dal Municipio fino al Parlamento, la sfida sarà di avere continuità perché le cose possano cambiare. Basta rimboccarsi le maniche"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Che cosa mette insieme tutte queste persone, tutti noi? Io faccio politica nelle istituzioni e nei partiti relativamente da poco, ho sempre cercato di mantenere la mia attenzione al privato e al mio lavoro, ma credo di aver sempre fatto politica, come tutti voi, provando a ricavare nelle mie giornate un piccolo impegno che non fosse il privato. Negli ultimi due anni ho deciso di dedicarmi alla mia famiglia, ma a dicembre ho scelto di rimettermi in corsa con Zingaretti. La Regione è una istituzione importante perché emana leggi su temi fondamentali, da cui dipende il nostro futuro. Per me la sfida è di poter portare a sistema queste buone pratiche, ed è ciò che mi ha spinto a rimettermi in gioco. Dal Municipio fino al Parlamento, la sfida sarà di avere continuità perché le cose possano cambiare. Basta rimboccarsi le maniche”. Così la candidata dem alla Regione Lazio, Valentina Grippo, che stasera ha presentato la sua candidatura allo Scout center del II Municipio, insieme a Simone Lupi, con il quale si presenta in ticket, e alla ministra della Pubblica amministrazione, Marianna Madia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»