California, diga a rischio esondazione: evacuate 188mila persone

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

California diga a rischio OrovilleROMA – Sono ore di angoscia ad Oroville, nel nord della California. A rischio c’è la tenuta della diga più alta di tutti gli Stati Uniti. Ad essere evacuate quasi 200mila persone.

California diga a rischio. Tutta colpa di una crepa

L’ordine di evacuazione per i 188mila cittadini californiani della zona di Oroville resta. Resta anche se l’enorme fuoriscita di acqua dalla diga sembra essersi arrestata. Tutta colpa di un’enorme crepa nella struttura dovuta all’erosione. È necessario, affermano le autorità locali, accertare ora le condizioni di tenuta dell’immensa struttura. Otto elicotteri e centinaia di tecnici e operai saranno impegnati nelle complesse operazioni di riparazione.

California diga a rischio. In allerta anche la Guardia Nazionale

Con i suoi 234,7 metri di altezza, quella di Oroville è la diga più alta degli Stati Uniti. Tutte le strade in uscita dalla zona interessata, al momento, sono intasate. La popolazione è stata obbligata a lasciare la zona interessata dalla diga e il governatore della California, Jerry Brown, ha ordinato di potenziare le operazioni di emergenza per mettere la diga in sicurezza. Coinvolti anche 23mila soldati della Guardia Nazionale californiana. Con quella di Oroville coinvolte le contee di Butte, Sutter e Yuba.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»