Smog, la tregua è già finita: In Emilia-Romagna tornano polveri sottili

I valori più negativi si sono riscontrati ancora una volta tra Bologna, Modena, Parma e Reggio Emilia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Nuovo weekend fuorilegge per le polveri sottili. E’ durata poco la tregua dalla cappa di smog: ad appena una settimana dai picchi di inizio febbraio (a Bologna la concentrazione ‘pechinese’ di 247 microgrammi per metro cubo), le Pm10 sono tornate a fare segnare rosso un po’ in tutta l’Emilia-Romagna sia sabato che domenica scorsi. I valori più negativi si sono riscontrati ancora una volta tra Bologna e l’Emilia occidentale, in particolare nella giornata di ieri. Nel capoluogo regionale ieri si sono raggiunti i 76 microgrammi per metro cubo (la solita centralina di Porta San Felice), lo stesso valore di Rimini. Peggio hanno fatto Modena (79 microgrammi), Parma (78) e soprattutto Reggio, con 84 microgrammi, il valore peggiore riscontrato in regione. Per tutti il valore soglia giornaliero da non superare è 50 microgrammi.

Tra le centraline, quella di via Timavo a Reggio ha fatto segnare il 26esimo valore fuori norma delle polveri sottili nel corso del 2017: ne mancano solo nove di bonus di qui a fine anno. Poco meglio Modena-Giardini con 25 sforamenti e Fiorano modenese con 24.

di Mirko Billi, giornalista professionista

LEGGI ANCHE:

Smog, a Bologna nuovo record: valori cinque volte superiori al limite di legge

Emergenza smog, riscaldamento ridotto a 19 gradi

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»