L’amore senza tempo, abbracciati da seimila anni

Straordinaria scoperta archeologica in Grecia. Ecco gli amanti del Neolitico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

amanti abbracciatiROMA – Per quanto terribile è un’immagine tenera quella diffusa dalla Sovrintendenza Archeologica ellenica. Un uomo e una donna abbracciati, uno accanto all’altro da quasi 6mila anni. Un ritrovamento straordinario che data gli amanti al periodo Neolitico.

Il ritrovamento durante gli scavi davanti l’ingresso Nord della Grotta di Alepotrypa, letteralmente Buco della volpe, nel Peloponneso meridionale. Per la coppia, la Sovrintendenza Archeologica, ha ordinato tutti gli esami particolari del caso. Con il test del Carbonio 14 gli scheletri sono stati collocati nel 3.800 a.C., mentre gli esami del DNA hanno confermato il loro sesso, un uomo e una donna.

‘Le sepolture doppie e incrociate sono molto rare e quella di Diros è una delle più antiche rinvenute finora al mondo’, riferisce il comunicato stampa ufficiale. Con gli scheletri abbracciati, ritrovati anche un altro uomo e un’altra donna, accovacciati in posizione fetale, punte di freccia, le tombe di un bambino e di un feto, oltre a un ossario di circa 4 metri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»