Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Superati livelli di PM10: da venerdì a Milano, Monza e Cremona stop auto euro 4 diesel

INQUINAMENTO SMOG TRAFFICO MILANO
Stop a euro 4 diesel. Negli edifici limite a 19 gradi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Maria Laura Iazzetti

MILANO – Da domani saranno attivate nelle province di Milano, Monza e Cremona le misure temporanee di primo livello. Ieri è stato infatti registrato il quinto giorno consecutivo di superamento del limite giornaliero di PM10 in provincia di Monza e il quarto nelle province di Milano e Cremona. Da domani quindi, nei Comuni con oltre 30.000 abitanti e in quelli aderenti su base volontaria in fascia 1 e 2, dalle 8.30 alle 18.30 non potranno circolare le auto di classe fino a euro 4 diesel, comprese quelle dotate di filtro antiparticolato.

Per quanto riguarda invece le misure sul riscaldamento e l’agricoltura, le limitazioni si applicheranno a tutti i comuni della provincia interessata dai superamenti continuativi e prevederanno il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici a biomassa legnosa con emissioni inferiori o uguali a 3 stelle e il limite a 19 gradi delle temperature all’interno degli edifici, con tolleranza di 2 gradi. Relativamente alle limitazioni in agricoltura, è vietato lo spandimento dei reflui zootecnici, salvo iniezione diretta o interramento immediato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»