Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dieci anni fa la tragedia della Costa Concordia

costa concordia
32 persone persero la vita nel naufragio della nave da crociera di fronte all'Isola del Giglio. Il comandante Schettino condannato a 16 anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dieci anni fa, la foto della Costa Concordia semisommersa di fronte all’Isola del Giglio fece il giro del mondo. Era la sera del 13 gennaio 2012 quando la nave da crociera salpata da Civitavecchia e diretta a Savona andò a sbattere contro gli scogli prospicienti l’isola dell’arcipelago toscano. L’impatto danneggiò notevolmente l’imbarcazione: le 4.229 persone a bordo vennero evacuate, ma si registrarono 32 vittime. Tra vacanzieri e membri dell’equipaggio, a perdere la vita furono dodici tedeschi, sette italiani, sei francesi, due statunitensi e peruviani, uno spagnolo, un ungherese e un indiano. Il naufragio fu causato dalle errate manovre durante il cosiddetto ‘inchino‘, una deviazione di rotta con avvicinamento alla terraferma per “salutare” l’isola.

Per l’incidente, il comandante Francesco Schettino è stato condannato in via definitiva a sedici anni: dieci per omicidio plurimo colposo e lesioni colpose, cinque per naufragio colposo, uno per abbandono della nave. Nei giorni seguenti alla tragedia, vennero diffuse le registrazioni delle telefonate tra Schettino e il capitano Gregorio De Falco della Capitaneria di Porto di Livorno, in cui De Falco intimava al comandante della Concordia, che si trovava su una lancia di salvataggio, di risalire a bordo per coordinare i soccorsi. Nel 2018, De Falco venne eletto senatore con il Movimento 5 Stelle e oggi fa parte del Gruppo Misto. Il relitto della Concordia fu recuperato nel luglio 2014 e portato a Genova, dove venne demolito.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»