Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il Congresso cileno discute un disegno di legge sull’aborto

Cile
Al vaglio la depenalizzazione dell'interruzione di gravidanza entro la 14esima settimana, che ad oggi è permessa solo in presenza di tre condizioni: rischio di vita per la madre, malformazioni del feto con possibili conseguenze letali o gravidanza a seguito di una violenza sessuale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Brando Ricci

ROMA – Il Congresso cileno inizia oggi a dibattere su un disegno di legge che prevede la depenalizzazione dell’aborto volontario entro la 14esima settimana. A oggi l’ordinamento cileno permette l’interruzione di gravidanza in base a una legge del 2017, che lo contempla solo in presenza di tre condizioni: rischio di vita per la madre; malformazioni del feto con possibili conseguenze letali; gravidanza a seguito di una violenza sessuale.

Il progetto di provvedimento è arrivato al Congresso nel 2018 e inizierà a essere esaminato oggi dalla Comision de mujeres y equidad de genero. A dare un impulso decisivo all’avvio della presa in carico della bozza, si legge sul portale online dell’emittente radiofonica Radio Universidad de Chile, la legalizzazione dell’aborto approvata il mese scorso dal parlamento della vicina Argentina.

La presidente della Commision, la deputata della formazione di sinistra Revolucion Democratica, Maite Orsini Pascal, ha detto alla stampa locale di essersi “messa a disposizione delle organizzazioni femministe che hanno dedicato la loro vita alla lotta per un aborto libero e sicuro per tutte”. L’inizio del dibattito al Congresso è stato accolto con soddisfazione dalle associazioni in difesa dei diritti delle donne. Numerose organizzazioni hanno rilanciato la notizia sui social, annunciando la “lunga battaglia” che comincia oggi verso la legalizzazione. A caratterizzare il movimento cileno, così come in Argentina e in tutto il Sudamerica, il colore verde.

LEGGI ANCHE: L’Argentina dice sì all’aborto: legale fino alla quattordicesima settimana

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»