Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Sardegna via libera alla dicitura “architetta” nel timbro professionale

timbro architetta
Il Consiglio dell'Ordine degli architetti di Cagliari e Sud Sardegna ha approvato all'unanimità la proposta di dicitura femminile. Il primo ad approvare una simile mozione fu l'Ordine di Bergamo nel 2017
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CAGLIARI – Via libera dal Consiglio dell’Ordine degli architetti della Città metropolitana di Cagliari e Sud Sardegna, al timbro professionale con la dicitura al femminile di “Architetta“. La proposta è stata approvata all’unanimità. Nel 2017 fu l’Ordine di Bergamo ad approvare per la prima volta una delibera di analogo contenuto. Poi seguirono altre città come Roma, Torino, Milano, Modena, Treviso. Al momento sono poco meno di una decina.

Da oggi anche a Cagliari, chi volesse utilizzare il termine “Architetta”, dovrà semplicemente fare richiesta all’Ordine: “Non c’è alcun obbligo, ma la possibilità di farlo. È un’opportunità in più che si offre a chi lo desidera”, spiega Teresa De Montis, presidente dell’Ordine che conta 312 donne su un totale di 723 iscritti. “Ritengo che il timbro con la dicitura ‘Architetta’ contribuisca alla continua costruzione di un’identità professionale sempre più consapevole e riconosciuta e che costituisca un primo tassello inscritto all’interno di un più ampio dibattito culturale per la parità di genere- spiega Silvia Mocci, rappresentante dell’Ordine-. Credo che contribuisca a sviluppare una cultura partecipata dell’uguaglianza in generale e specificatamente nel campo dell’architettura”.

LEGGI ANCHE: Donne, il Senato approva all’unanimità il ddl sulle molestie sul lavoro

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»