Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Crisi di governo. All’ultimo minuto, Conte vedrà Renzi e leader coalizione?

giuseppe conte
Stando alle voci raccolte dentro Italia Viva e Pd, si sta trattando perché il premier Conte convochi presto "un confronto con tutti i leader della coalizione o un faccia a faccia con lo stesso Renzi".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Viene in mente la vecchia serie televisiva “All’ultimo minuto”, quando la tragedia in atto che teneva inchiodati milioni di spettatori trovava una soluzione, felice, quando tutto sembrava perso. Oggi il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, ha convocato i media alle 17.30 per dire se andrà o meno all’opposizione insieme a Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

LEGGI ANCHE: Governo, attesa per le parole di Renzi. Marcucci: “Serve maggioranza con Iv”

“Chiaro che fino alle 17 e 29 si tratterà” dice un esponente Dem, “si cercherà fino alla fine di trovare una via d’uscita”. Una soluzione ad una crisi, urlata, che stando ai sondaggi la maggioranza degli italiani non capirebbe e non vuole. Che fare? Stando alle voci raccolte dentro Italia Viva e Pd, si sta trattando perché il premier Conte convochi presto “un confronto con tutti i leader della coalizione o un faccia a faccia con lo stesso Renzi”. Dalle parti di Palazzo Chigi bocche cucite.

Per quanto riguarda le interpretazioni, per qualcuno la chiamata di Conte potrebbe suonare come una resa, per altri invece la possibilità di lanciare una ciambella di salvataggio, incassando la rinuncia alle dimissioni delle ministre, allo stesso Renzi, che, secondo esponenti Dem, si è messo in un vicolo cieco “rischiando anche di far implodere i suoi gruppi parlamentari” perché non tutti sarebbero felici di ritrovarsi a fare opposizione col centrodestra. Il momento è adesso, il passo di lato o in avanti per sbloccare va fatto subito, facendo tesoro di quanto diceva il grande Stanislaw Jerzy Lec: “La propria impotenza è pericolosa quanto l’altrui prepotenza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»