Covid, Giappone verso estensione dello stato di emergenza in altre sette Prefetture

giappone
Le persone verranno incoraggiate a rimanere in casa, le aziende a favorire il telelavoro e i ristoranti e i locali notturni ad anticipare la chiusura alle ore 20
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – È attesa tra oggi e domani, al termine della riunione del comitato di esperti del ministero della Salute, la dichiarazione del primo ministro Yoshihide Suga in merito all’estensione dello stato di emergenza, finora dichiarato per Tokyo e le vicine Saitama, Chiba e Kanagawa, ad altre sette prefetture. Si tratta delle aree di Osaka, Kyoto, Hyogo, Aichi, Gifu, Fukuoka e Tochigi, alle quali verranno estese le medesime misure previste per la capitale fino al 7 febbraio. La decisione, che verra’ riferita alle Camere nella giornata di domani, mira a fornire copertura giuridica e strumenti adeguati ai governatori locali per fronteggiare la crescente diffusione del virus, che sta mettendo sotto pressione il sistema sanitario, con il 70% dei posti letto di terapia intensiva già occupati a Osaka e quasi il 90% a Tokyo. Le persone verranno incoraggiate a rimanere in casa, le aziende a favorire il telelavoro e i ristoranti e i locali notturni ad anticipare la chiusura alle ore 20. La dichiarazione dello stato di emergenza del governo centrale fornisce copertura giuridica agli atti degli amministratori locali quali richieste alla popolazione, confische di beni e strumenti e la pubblicazione delle liste dei soggetti che si rifiutano di collaborare, come unica misura sanzionatoria prevista allo stato attuale per rafforzare i precetti. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»