Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’Italia che sbaglia mettendo bambini in case famiglia: qualcuno dovrà pagare

Si rincorrono i casi di cecità bislacche di Tribunali per i minorenni che non vedono le condanne penali dei violenti, di madri che decadono dall’autorità genitoriale perché hanno denunciato, di bigenitorialità imposta con metodologie poliziesche perché "l’abusante può essere un bravo genitore"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Genitori accudenti che sulle carte delle consulenze tecniche di ufficio diventano simbiotici, alienanti o addirittura psichiatrici. Il ‘troppo amore’ è il nuovo ingresso nel tunnel che porta dritto agli affidi extra familiari, alle case famiglia e a quella strada lastricata di guadagni che vede psicologi e servizi sociali fare ‘autopsie’ ai genitori, meglio se sono donne che hanno denunciato violenza su loro stesse e o sui loro figli, perché lì è più semplice infilare nelle perizie dei procedimenti giudiziari l’accusa di PAS, l’ alienazione parentale. E il gioco è fatto. Negata da tutti e annacquata in sinonimi bizzarri continua, regina, a scrivere sentenze.

Ieri mattina alla Camera dei deputati in conferenza stampa si è parlato di nuovo del caso dei fratellini di Cuneo. Tolti a una madre definita ‘simbiotica’ dopo che hanno denunciato gli abusi del padre, rinviato a giudizio per questo. “Misoginia e mondo al contrario” ha denunciato la deputata Laura Boldrini. “Un ministero di giustizia che non risponde alle interpellanze, che non esercita potere ispettivo” ha rincarato la deputata Veronica Giannone.

Sul tema dei minori sembra esserci una cecità che paralizza tutto, a parte la mano operativa di chi prende i bambini e li porta in casa famiglia, presso affidatari, in centri diurni, in percorsi psicologici da fare ‘obbligatoriamente’ presso Centri che sbucano dal cilindro delle aule giudiziarie. A pagamento ovvio. Cecità bislacche di Tribunali per i minorenni che non vedono le condanne penali dei violenti, di madri che decadono dall’autorità genitoriale perché hanno denunciato, di bigenitorialità imposta con metodologie poliziesche perché “l’abusante può essere un bravo genitore”. O privazioni di diritti inalienabili come nel caso dei fratellini di Cuneo, ai quali è stata negata ‘la fratellanza’. Bambini non creduti e ‘ostaggi’ del processo penale che riguarda il padre.

La prossima settimana, come annunciato dalla deputata Stefania Ascari, si metterà al lavoro la Commissione d’inchiesta sul sistema affidi. La visione dei fascicoli dei casi più emblematici e l’invio di ispettori sarebbero un primo passo. Non vorremmo mai pensare che siccome si tratta di bambini nelle mani dello Stato possano essere periziati, erroneamente affidati e privati degli affetti e dei loro anni senza che qualcuno paghi un prezzo, senza le giuste pene. Altro che il ‘Se sbagliamo è in buona fede’ ripetuto da certi giudici. Se avete sbagliato, dovrete pagare.  

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»