A Firenze è ancora emergenza smog, scatta un nuovo blocco del traffico

Stop mezzi più inquinanti e riduzione su caldaie e impianti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il Comune di Firenze e quelli del cosiddetto “agglomerato urbano” (Calenzano, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa, Lastra a Signa, Scandicci, Bagno a Ripoli) hanno prorogato le ordinanze antismog fino a sabato prossimo. Arpat, infatti, ha comunicato che si sono verificate nell’area le condizioni per l’attribuzione del secondo valore dell’indice di criticità sulla qualità dell’aria: i valori limite medi fissati per le polveri sottili, infatti, sono stati superati quattro volte negli ultimi sette giorni “e per i prossimi tre giorni non sono previste condizioni meteo favorevoli alla dispersione degli inquinanti”, si spiega da Palazzo Vecchio. Questa situazione, avvertono la Regione Toscana, la Città metropolitana (coordinatrice dei Piani di azione comunale) e il Comune, “impone di emettere l’ordinanza di blocco dei mezzi più inquinanti” e “prescrive anche il divieto, in ambito domestico, di accensione di caminetti, stufe, termocamini o termostufe alimentati a legna, qualora non rappresentino il principale sistema di riscaldamento“.

LEGGI ANCHE

Troppo smog, Firenze blocca la circolazione dei diesel euro 3

Inoltre prevede la riduzione di funzionamento degli impianti di riscaldamento”, delle caldaie private e quelle condominiali. Stando all’ordinanza, quindi, per i motocicli a 2 tempi Euro 1 e le autovetture a benzina Euro 1 e a diesel Euro 2 ed Euro 3, così come per i veicoli diesel Euro 1 ed Euro 2 per il trasporto merci, è prolungato il divieto di circolazione dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30 nei centri abitati. I provvedimenti dureranno cinque giorni e non si interromperanno se il meteo migliorerà.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

13 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»