In Puglia Emiliano vince le primarie col 70%: “Ora uniti per restare altri 5 anni”

Primarie partecipate in Puglia nonostante il maltempo: "In 81 mila sono usciti per votare nonostante la pioggia e il freddo", dice Emiliano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Come da programma Michele Emiliano sarà il candidato per le prossime elezioni regionali in Puglia: nelle primarie di ieri, il governatore ha vinto con oltre il 70% dei consensi, seguito da Fabiano Amati con il 14,3 per cento, Elena Gentile con il 12,1 per cento, Leonardo Palmisano con il 3,1 per cento. “Ora chiedo a tutti di rimanere uniti per continuare questo cammino per i prossimi cinque anni”, è stato il primo commento di Emiliano ieri alla luce del risultato.

“La Puglia ha dimostrato che questa partecipazione meravigliosa, che in altre parti di Italia sembra impossibile, qui accade”, ha detto ancora il governatore commentando la partecipazione di quasi 81mila persone che hanno votato nei 248 seggi allestiti in Puglia. “Con la pioggia e con il freddo- ha proseguito- 80 mila persone sono uscite di casa per partecipare a delle primarie che avevano un esito scontato e lo hanno fatto non per votare per Emiliano ma per testimoniare una storia, che è la storia della nostra comunità”.

Il presidente ha poi aggiunto: “Da domani voglio adoperare il termine “Coalizione della Puglia” per indicare chi mi sostiene e chi sostiene il futuro di questa terra meravigliosa”. A chi dal centrodestra fa notare che la partecipazione è stata bassa, il Presidente replica: “Provino loro a smuovere 80mila persone, col freddo e la pioggia e poi vediamo”. La chiosa del segretario del Pd Puglia, Marco Lacarra suona come una rivendicazione: “Siamo comunque riusciti ad arrivare a una decisione sul candidato prima di loro e non mi sembra poco”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

13 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»