Guido Ceccoli sarà ambasciatore dei diritti dell’uomo al Consiglio d’Europa

SAN MARINO - La Repubblica di San Marino conquista una nomina di grande rilievo all'interno del Consiglio d'Europa.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO – La Repubblica di San Marino conquista una nomina di grande rilievo all’interno del Consiglio d’Europa. Oggi infatti, a Strasburgo, il Comitato dei ministri ha nominato Guido Bellatti Ceccoli, ambasciatore di San Marino presso il Consiglio d’Europa, presidente del gruppo dei relatori sui diritti dell’uomo, detto “Gr-h”. Palazzo Begni sottolinea in una nota il grande prestigio legato a questo incarico, “considerata l’esiguità numerica dei Gruppi dei relatori, in particolare per le significative competenze ad esso affidate, visto che il Consiglio d’Europa è un’organizzazione incentrata proprio sulla promozione dei diritti umani, della quale fa parte anche la Corte europea dei diritti dell’uomo”.

Guido-Bellatti-CeccoliI gruppi di relatori, composti dagli ambasciatori dei 47 Paesi membri del Consiglio d’Europa, sono di fatto organi ausiliari del Comitato dei Ministri, discutono e preparano le sue decisioni. Il Gr-h, in particolare, è competente a discutere su come rafforzare l’efficacia del sistema della Convenzione europea per la protezione dei diritti umani a livello europeo e nei singoli sistemi nazionali. Si occupa inoltre delle elezioni dei membri del Comitato europeo per la prevenzione della tortura, Cpt, e della Commissione europea su razzismo e intolleranza, Ecri, delle questioni legate a uguaglianza e diversità, delle minoranze nazionali, della bioetica, di media e informazione, delle Conferenze dei ministri europei competenti per i diritti umani e infine delle risposte da dare alle raccomandazioni dell’Assemblea parlamentare e del Congresso dei poteri locali e regionali, sempre nel settore dei diritti dell’uomo. Il mandato di presidente del Gr-h, assunto dall’ambasciatore Guido Bellatti Ceccoli, terminerà il 31 agosto 2017.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»