Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Twitter e Periscope: l’unione fa la forza

Il social network ingloberà nel proprio flusso di notizie anche i video in live streaming girati con l'app Periscope
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
periscope_twitterROMA – Continua la sfida tra i social network. L’ultimo ad aver fatto il ‘colpaccio’ è Twitter che d’ora in poi diventerà la vetrina ufficiale di Periscope, l’app per trasmettere dal cellulare filmati in live streaming. Cosa cambierà per gli utenti? Semplice, potranno osservare i video in tempo reale sulla propria bacheca senza dover entrare in Periscope cliccando sui link caricati dai propri contatti. Ciò potrà avvenire perché parte delle funzionalità della app, verranno inglobate da Twitter, così i video si potranno guardare direttamente nel flusso di notizie

I video di Periscope si avvieranno in automatico dalla pagina del sito di microblogging e dopo averci cliccato sopra, si apriranno a schermo intero riportando di seguito tutti i commenti degli altri internauti collegati. Una vera e propria fusione che ha già prodotto i suoi frutti: Twitter a luglio ha incrementato i suoi utenti del 15% mentre Periscope può già vantare 100 milioni di broadcast.

La novità però, non sarà accessibile a tutti. I primi a poterla sperimentare saranno i possessori di iPhone mentre i possessori di smartphone Android dovranno attendere.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»