Referendum per fusione Comuni, ok da vertici Consiglio regionale

Potrebbero unirsi i Comuni di Tramonti di Sopra e Tramonti di Sotto, e quelli di Monfalcone Ronchi e Staranzano. Se arriverà l'ok del Consiglio, dovranno svolgersi entro il 31 luglio 2016
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – L’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia si è espresso per l’ammissibilità di due richieste di referendum consultivo per l’istituzione di due nuovi Comuni: “Tramonti“, che dovrebbe nascere dalla fusione di Tramonti di Sopra e Tramonti di Sotto, e “Monfalcone-Ronchi-Staranzano“.
Le delibere adottate verranno trasmesse al Consiglio regionale, che dovrà pronunciarsi in via definitiva. Su Tramonti riferirà come relatore Daniele Gerolin, su Monfalcone-Ronchi-Staranzano Emiliano Edera. Se anche il Consiglio regionale dovesse pronunciarsi in modo
favorevole entro il 24 febbraio prossimo, i referendum dovranno
tenersi entro il 31 luglio 2016.

Tramonti di Sopra
Tramonti di Sopra

Quello relativo ai Comuni di Monfalcone, Ronchi e Staranzano
determinerà però la sospensione delle elezioni per il rinnovo del sindaco e del Consiglio comunale a Monfalcone e Ronchi, che sono in scadenza di mandato. La normativa dispone, in caso di esito positivo del referendum, la nascita del nuovo Comune il primo gennaio dell’anno successivo, quindi il 2017, e la permanenza degli organi degli attuali Comuni fino al 31 dicembre dell’anno di scadenza del mandato, quindi 2016. Nel caso in cui non si dovesse giungere alla fusione dei Comuni, le elezioni per il rinnovo dei loro organi dovranno tenersi in una domenica compresa tra il primo novembre e il 15 dicembre dell’anno di scadenza del mandato, in questo caso il 2016.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»