Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La speranza di Stirpe: “Stadio del Frosinone pronto per fine anno”

Secondo il Comune sarebbe invece pronto per il 20 agosto. Ma per Stirpe "serve un miracolo" per rispettare questo termine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I lavori per il nuovo stadio del Frosinone proseguono: secondo il Comune i cantieri si concluderanno entro il 20 agosto, almeno questo c’è scritto sul bando di gara. È un termine sfidante, sono ottimisti. Serve un miracolo, mentre io credo che ci possiamo riuscire entro la fine del 2016“. Così il presidente del Frosinone calcio e di Unindustria Lazio, Maurizio Stirpe, nel corso di una conferenza per il master in marketing e management dello sport presso l’università Tor Vergata.

Zona_Stadio_frosinone_ Divieto di sosta

“Frosinone- ha spiegato il presidente- dispone di uno stadio fortemente inadeguato per tanti motivi, dove non si può fare accoglienza. Quando diciamo di voler portare i bambini e le famiglie allo stadio servono determinate condizioni. Se restiamo in serie A, tra l’altro, non potremo giocare il prossimo anno al Matusa perché la deroga che ci è stata concessa dura solo un anno quindi abbiamo estremamente bisogno del nuovo stadio”. “La squadra, inoltre, non aveva un campo dove allenarsi- ha detto ancora Stirpe- Per questo abbiamo trovato l’area di Casaleno, che era un area di nefandezze notturne, l’abbiamo bonificata e ora è il campo di allenamento del Frosinone”.

La stessa area dove sta sorgendo il nuovo stadio che ospiterà 16.500 spettatori, avrà un anello di copertura, ed un’area di circa 5.000 metri quadrati dedicati alle attività commerciali. E che per Stirpe “potrà ospitare anche concerti”. “Il calcio a Frosinone- ha concluso Stirpe- è stato uno strumento e un veicolo per un riscatto del territorio e per farlo vedere sotto una luce diversa rispetto alla deindustrilizzazione e ai disastri ambientali del passato. Eravamo in C2 e ora siamo in serie A. L’obiettivo è mantenere la categoria, facendo crescere anche il processo di internazionalizzazione facendo scouting all’estero”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»