Manovra, ok alla proposta del M5s: sotto lo 0,5% di Thc la canapa non è uno stupefacente

Questo "non è il punto di arrivo, anzi solo quello di partenza ma oggi abbiamo dato la prima spallata all’assurdo muro di pregiudizio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È stata un’opera di convincimento di quasi due settimane e ci sono volute 15 ore di fila, solo questa notte in commissione bilancio, ma alla fine, grazie al lavoro svolto insieme al collega e amico Francesco Mollame, poco fa abbiamo approvato uno dei nostri emendamenti sulla canapa industriale”. Il senatore M5s, Matteo Mantero, su Facebook, precisa: “È quello meno ambizioso, che riguarda principalmente la biomassa, ma che comunque modifica la legge sulla canapa completandola e soprattutto modifica il testo unico per gli stupefacenti stabilendo una volta per tutte che sotto lo 0,5% di thc la canapa non si può considerare sostanza stupefacente”.

Questo “non è il punto di arrivo, anzi solo quello di partenza- conclude- ma oggi abbiamo dato la prima spallata all’assurdo muro di pregiudizio, che ancora circonda questa pianta. I canapicoltori e negozianti italiani potranno lavorare un po’ più tranquilli”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»