Villirillo: “Querelo l’assassino di mio figlio per diffamazione”

'Appello a tutte le associazioni: sostenetemi'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questa mattina, a una settimana dalla sentenza di primo grado che ha condannato l’assassino di mio figlio all’ergastolo, ho deciso di presentare querela per calunnia e diffamazione alla mia persona”. Lo dichiara all’agenzia Dire Caterina Villirillo, mamma di Giuseppe Parretta ucciso a colpi di pistola il 16 gennaio 2018 nella sede dell’associazione ‘LibereDonne’ fondata dalla signora Villirillo per salvare le donne da violenza, tratta e prostituzione. “La condotta processuale del Gerace- ha spiegato l’avvocata Jessica Tassone, presidente dell’associazione DoMino, che si occupa di contrasto alla violenza di genere- e’ sempre stata rivolta al discredito di Caterina Villirillo. Piu’ volte in manoscritti o dichiarazioni spontanee ha accusato la signora di prostituirsi e far prostituire la figlia. Caterina non solo è stata distrutta e privata del suo bene piu’ grande – suo figlio – ma anche denigrata e offesa in aula di tribunale. Con questa querela ha deciso non solo di denunciare l’offesa subita alla propria immagine e al proprio onore di donna e madre, ma anche di dare un segnale forte alle donne della Calabria e per questo la sostengo anche come associazione DoMino per continuare la sua lotta per la legalita’”.

LEGGI ANCHE

VIDEO | Gli appelli della mamma coraggio Catia Villirillo a Salvini e Mattarella

Catia Villirillo: “La ‘ndrangheta ha ucciso mio figlio, io abbandonata dalle istituzioni”

Ergastolo per l’assassino di Giuseppe Parretta, la mamma: “È il mio regalo per lui”

“L’uccisione di mio figlio- ha concluso Villirillo- e’ stata un affronto a tutti i centri e associazioni che si battono contro la violenza sulle donne. Mi hanno persino accusata di non essermi lanciata a difendere mio figlio. Cosa ne sanno loro di cosa significa sentire far fuoco e vedere un figlio ferito e averne altri due nella stanza. Faccio appello a tutte le associazioni per essere sostenuta in questa battaglia e per non essere lasciata sola con le umiliazioni che ho dovuto subire oltre alla perdita inconsolabile di mio figlio Giuseppe”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»