Mafie, trovato a Reggio Calabria arsenale da guerra ed esplosivo

I Carabinieri hanno arrestato Domenico Gattuso già condannato per aver favorito la latitanza di un noto esponente della ndrangheta
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – E’ stato sorpreso con un arsenale da guerra, per questo motivo, i Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno arrestato Domenico Gattuso, 47enne, reggino, già condannato per favoreggiamento per aver favorito la latitanza di un noto esponente della ndrangheta. In particolare, i Carabinieri, durante un controllo nelle zone rurali del capoluogo reggino, hanno deciso di perquisire un casolare di Rosario Valanidi (RC), trovando una pistola con matricola punzonata, una doppietta, con canne e calcio tagliati, due fucili a pompa con segni distintivi abrasi, una mitraglietta di fabbricazione artigianale cal.9, un fucile semiautomatico cal.12 con matricola punzonata, un fucile senza marca cal.32, oltre 3.500 cartucce di vario calibro.

Ma è all’interno di alcuni contenitori di plastica, a sembianza di innocui bidoni e tubazioni che i militari dell’Arma di Reggio e gli specialisti dei Cacciatori di Calabria hanno effettuato il ritrovamento più eclatante: una bomba a mano, 2kg di tritolo, 1 kg di plastico, 1 kg di polvere da sparo e diverse divise appartenenti al corpo dei vigili del fuoco. Secondo gli esperti dei Carabinieri l’esplosivo, ad alto potenziale, per tipologia e quantitativo, è idoneo a distruggere un intero palazzo, potendo causare danni ingenti alle abitazioni circostanti. Il tritolo e il plastico ritrovato, infatti, sono esplosivi di tipo militare, non reperibili in commercio, mentre la bomba a mano ritrovata dai militari dell’Arma è proveniente dall’ex Jugoslavia.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»