Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Popcorn Time ransomware che ricatta gli utenti per scopi benefici

Bitcoin e complicità in cambio del rilascio del disco fisso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Popcorn Time ransomware ROMA – Ci risiamo ecco un nuovo virus, Popcorn Time ransomware, in grado di bloccare il computer. Disco rigido in ostaggio e riscatto per il suo “rilascio”.

Popcorn Time ransomware che ricatta gli utenti

Non lasciatevi ingannare del nome dolce di Popcorn. Dietro l’immagine evocativa di momenti spensierati si nasconde un nuovo e potente ransomware. Questo non è un semplice virus o un malware qualunque ma un potente programma malevolo in grado di bloccare il computer. La sua specialità criptare il disco fisso. L’unico modo che hanno gli utenti di rientrare in possesso del proprio pc è pagare. Un rapimento vero e proprio quello che mette in atto Popcorn Time. Il riscatto si deve pagare in bitcoin, circa 780 dollari.

Popcorn Time ransomware l’untore

Ma non finisce qui. Non basta pagare bisogna anche diventare suo complice. Solo “infettando” due amici sarà possibile ottenere la chiave di sblocco. La catena che si apre è potenzialmente infinita. Infettare è semplice, basta inviare due link a due contatti della propria rubrica. Solo quando i link, inavvertitamente, saranno installati sui nuovi pc il ricatto si riterrà chiuso. Solo in questo caso il pc restituito.

Popcorn Time ransomware il fine non giustifica i mezzi

Dietro il malware, stando agli esperti che lo hanno individuato, il MalwareHunterTeam, si nasconderebbero alcuni studenti siriani. Il fine è quello di ottenere soldi ma non per arricchimento personale ma solo per comprare cibo e medicine. Bisogna credergli? Difficile a dirsi ma comunque “il fine non giustifica mai i mezzi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»