Coronavirus, Dg Cardarelli: “Video deplorevole, indagine in corso”

Lo dice il direttore generale dell'azienda ospedaliera Cardarelli di Napoli Giuseppe Longo commentando il decesso di un paziente nel bagno del pronto soccorso del nosocomio e il video nel quale viene ripreso il corpo senza vita dell'uomo accasciato a terra.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La cosa più deplorevole è probabilmente il video che ieri è passato su tutti i canali di informazione. Che un decesso avvenga in un bagno è una notizia che probabilmente deve essere diffusa, è giusto sapere determinate notizie. Ma è deplorevole la modalità con cui è stata data la comunicazione. In modo particolare è deplorevole aver registrato e diffuso il video su tutti i canali. Per la nostra azienda la vita è sacra dall’inizio alla fine. La persona per noi è al centro del nostro sistema di assistenza”. Lo dice il direttore generale dell’azienda ospedaliera Cardarelli di Napoli Giuseppe Longo commentando, in un videomessaggio diffuso ai media, il decesso di un paziente nel bagno del pronto soccorso del nosocomio e il video nel quale viene ripreso il corpo senza vita dell’uomo accasciato a terra.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, parla l’autore del video choc al Cardarelli di Napoli: “Mostro che i vecchi sono destinati a morire”

“Ieri – aggiunge il dg – ho disposto che la direzione sanitaria eseguisse un’indagine interna, che è già partita e a breve si concluderà, per poter accertare tutto e raccogliere informazioni su chi possa avere ripreso il paziente ormai deceduto. È chiaro che gli esiti dell’indagine saranno trasmessi alle autorità competenti per il seguito della loro azione”.

DG CARDARELLI: SFORZO OPERATORI È DA ELOGIARE

“Il paziente, autonomamente, dall’area sospetti dove era ricoverato, è andato in bagno e lì ha trovato purtroppo la morte. È da elogiare – continua – il grande sforzo che tutti gli operatori, medici, infermieri, tecnici e operatori socio-sanitari, stanno fornendo in questo momento con turni massacranti. I nostri operatori salvano continuamente vite umane“.

Longo esprime, quindi, “vicinanza alla famiglia per questo grave dolore che l’ha colpita. Già ieri abbiamo contattato la famiglia e restiamo disponibili a fornire qualsiasi chiarimento”.

DG CARDARELLI: FORTE AFFLUSSO PS NON SIGNIFICA ABBANDONO

“Il Pronto soccorso del Cardarelli- aggiunge- da sempre, e quindi anche in questo periodo di pandemia, gestisce i maggiori afflussi di pazienti. È chiaro che in un periodo di pandemia gli afflussi sono particolarmente sostenuti anche perché il Cardarelli ha sempre rappresentato per la Campania l’ospedale di riferimento. I pazienti vengono sia con i mezzi del 118 ma, per la maggior parte, con mezzi propri e questo esprime proprio la volontà dei cittadini di individuare il Cardarelli come ospedale di riferimento”.

“L’afflusso notevole di pazienti nel pronto soccorso – aggiunge – ha diversi significati. Da una parte c’è questa grande disponibilità del pronto soccorso nell’accogliere e assistere chiunque vi accede ma, dall’altra parte, non significa per nulla un abbandono dei nostri pazienti che, sin dall’ingresso, vengono seguiti, valutati, sottoposti a esami diagnostici e terapie“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»