In Giappone arrivano i lupi robot contro gli attacchi degli orsi

Il problema è nazionale ma ora la tecnologia potrebbe aiutare
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

di Tommaso Meo

ROMA – In Giappone, in questo momentolupi sono i benvenuti, almeno quelli meccanici. Nella città di Takikawa, nell’isola settentrionale di Hokkaido, infatti, sono stati a poco installati due lupi-robot – il dispositivo è chiamato ‘Monster Wolf’ – per spaventare i sempre piu’ numerosi orsi che dai boschi spaventano i centri abitati.

I due robot dall’aspetto piuttosto mostruoso sono stati comprati a settembre dalle autorita’ cittadine dopo l’ennesima incursione di orsi neri fino ai quartieri residenziali della città. Gli attacchi degli orsi sono sempre piu’ frequenti in Giappone. Nel 2019 157 persone sono state attaccate da questi animali. Nel 2020 si sono gia’ verificate dozzine di attacchi, di cui due fatali, riferisce l’emittente nazionale Nippon Hoso Kyokai (Nhk). Da quando sono stati installati i robot a forma di lupo, a Takikawa non si sono verificati attacchi, ha riferito l’amministrazione.

Il robot è grande circa un 1 metro, ha quattro zampe ed e’ posizionato su un’asta in modo che sia visibile da lontano. Quando un animale selvatico come un orso si avvicina, questo viene rilevato da un sensore a infrarossi ed il lupo emette un forte rumore mentre scuote la testa e si accendono i Led rossi al posto degli occhi. Il robot è programmato per emettere 60 tipi di suoni diversi cosicché gli orsi non si abituino.

Gli orsi in Giappone sono spinti verso i centri abitati dalla mancanza di cibo soprattutto nel periodo invernale e nelle zone piú rurali del nord ovest.
L’Nhk ha scritto che la società che produce il Monster Wolf, Ohta Seiki, ha venduto dal 2018 altri 70 esemplari del robot in 62 località del Paese. La città di Takikawa starebbe pensando di introdurre il lupo meccanico su larga scala se il periodo di prova continuerà a dare buoni esiti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»