Usa, il ‘non expedit’ di Meloni: “No a complottismo, ma chi ha certezze?”

"Noi non dobbiamo riconoscere niente. Noi abbiamo rispetto per la democrazia americana", dice la leader di Fratelli d'Italia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Fratelli d’Italia non sostiene “tesi complottiste” ma a oggi “non dobbiamo riconoscere niente”, tantomeno la vittoria di Joe Biden. “Beato chi ha certezze- dice Giorgia Meloni durante una conferenza stampa sugli aiuti economici per il coronavirus- io non ne ho, attendo di averne”.

A chi le chiede se non sia il momento che lei, leader del partito di opposizione più in ascesa, riconosca la vittoria di Biden, risponde invitando alla cautela e allo studio attento del sistema elettorale Usa: “Noi non dobbiamo riconoscere niente. Noi abbiamo rispetto per la democrazia americana, che dal mio punto di vista ha meccanismi anche abbastanza complessi da capire, penso che non tutti noi abbiamo capito il meccanismo elettorale, è difficile districarsi”.

Quindi, aggiunge, “proprio per quel rispetto che dobbiamo” agli Stati Uniti “la cosa più normale che possiamo fare, anche per il clima che ha accompagnato la campagna elettorale americana e che rischia di accompagnare anche queste giornate, è sicuramente avere rispetto per una situazione particolare“.

Nessuna fretta, insomma: “Ci sarà alla fine una proclamazione e noi saremo contenti di continuare a lavorare affinché l’Italia mantenga i suoi forti rapporti con gli Stati Uniti. Lo abbiamo fatto anche durante la campagna elettorale quando invece la sinistra ha fatto un tifo un po’ sguaiato, dipingendo l’avversario come una specie di mostro impresentabile. Penso ci si debba muovere con un po’ più di delicatezza. Beato chi ha certezze, io non ne ho, attendo di averne”.

Accanto a lei il senatore Giovanbattista Fazzolari, che le fa eco: “Io come tutta Fdi seguiamo sempre con grande rispetto le indicazioni di Meloni: nessuno si è messo a prendere posizione: non è che c’è qualcuno che non riconosce la vittoria di Biden, in realtà c’è l’attuale presidente degli Stati Uniti che solleva dubbi sulla faccenda che Biden abbia vinto le elezioni. La Costituzione americana prevede dei passaggi molto chiari: sarebbe buon senso rispettarla e non prendere per buono l’indicazione che arriva dai grandi media”.

Qualche giorno fa Fazzolari ha postato su Twitter la foto di un gruppo di zombie, indicandoli come elettori democratici. Pentito? “Ho fatto un tweet in cui ironizzavo su alcuni defunti che hanno votato per Biden. Come è facilmente verificabile da tutti ci sono persone iscritte nelle liste dei democratici che risultano defunte. Ironizzare su questa faccenda mi sembra banale- assicura- non è sostenere tesi complottiste”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»