Covid, un gruppo di attivisti occupa la sede dell’Aiop Campania

Striscione per chiedere "cure e tamponi gratis a tutti"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

protesta_aiopNAPOLI – Un gruppo di attivisti delle reti sociali napoletane ha occupato la sede di rappresentanza dell’Aiop Campania, associazione di categoria di molte delle principali strutture sanitarie private della regione. Affissi striscioni per chiedere “cure e tamponi gratis per tutti“.

“ll disastro sanitario che si palesa in queste settimane e ci mostra le immagini terribili di persone che non riescono ad essere curate, di famiglie costrette ad arricchire continuamente i laboratori privati per i test sul Covid, di mancanza di personale medico e paramedico, di ospedali che non sono stati messi in sicurezza, degli ambulatori pubblici chiusi a favore degli affari di quelli privati, di pazienti per patologie diverse dal Covid abbandonati a se’ stessi, ha le premesse in un modello di gestione regionale (e nazionale) della sanita’ che in questi anni ha proceduto con continui tagli alla sanita’ pubblica e un fiume di finanziamenti pubblici alla sanita’ privata”, spiegano le reti sociali napoletane.
“Il decreto Rilancio – proseguono i manifestanti – forniva al governatore De Luca lo strumento della requisizione indennizzata per recuperare posti letto e strutture da chi in questi anni ha fatto milioni sulla pelle (letteralmente) dei cittadini oltre che rappresentare spesso una fonte di clamorosa clientela elettorale”.

Gli attivisti invitano “tutti e tutte domani alle 18 in piazza Plebiscito a una manifestazione per chiedere una patrimoniale sulle grandi ricchezze come stanno facendo altri Paesi europei per interventi urgenti in sostegno della sanita’ pubblica e gli ammortizzatori sociali necessari a reggere le misure di contenimento dell’epidemia”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»