Coronavirus, Crisanti: “Evitare lockdown? Non ci scommetterei una lira”

Per il noto virologo l'epidemia sta crescendo troppo rapidamente: "Anche se arriva il vaccino, a un certo punto bisognerà abbassare il numero dei casi"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Sulla possibilità che il governo eviti il lockdown non ci scommetterei neanche una lira. Con più di 30mila casi al giorno e con il numero dei morti vicini a quelli di marzo, ad un certo punto anche se ci sarà il vaccino bisognerà abbassare il numero dei casi”. Così Andrea Crisanti, direttore del laboratorio di microbiologia di Padova a The breakfast club su Radio Capital.

“IMPATTO VACCINO NON PRIMA DI 12 MESI” 

Il vaccino della Pfizer è un barlume di luce: però bisogna guardarlo nei dettagli. C’è un problema logistico, perché ha bisogno di una catena del freddo a -80 gradi e la tecnologia per la conservazione in Italia non è disponibile nei punti di distribuzione, quindi farmacie e studi medici. Il vaccino non può avere un impatto sull’epidemia prima di 12 mesi. Verso ottobre-novembre 2021 vedremo dei veri cambiamenti. Il vaccino, secondo me, non può essere reso obbligatorio visto il meccanismo con il quale è stato messo in commercio”, conclude.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Sileri: “Contagi in calo? Presto per parlare”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

12 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»