Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico, edizione del 12 novembre 2019

https://www.youtube.com/watch?v=kmEIbBWukF4&feature=youtu.be EX ILVA, TENSIONI NEL M5S SULLO SCUDO PENALE E' legato al gradimento dei Cinque stelle il destino dello scudo penale che
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

EX ILVA, TENSIONI NEL M5S SULLO SCUDO PENALE

E’ legato al gradimento dei Cinque stelle il destino dello scudo penale che dovrebbe consentire di riaprire la trattativa sull’Ex Ilva. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha convocato per giovedi’ un vertice di maggioranza con decine di rappresentanti per fare il punto sulla manovra. La riunione seguira’ il consiglio dei ministri dedicato all’area siderurgica di Taranto. Conte, con una lettera ai ministri, chiede di presentare proposte per ristrutturare e riconvertire l’area.

PENSIONI, CGIL: QUOTA 100 NON È PER LE DONNE

Dal 2019 al 2021, cioè nel triennio previsto per il pensionamento con ‘quota 100’, andranno in pensione oltre 340mila persone. È la stima della CGIL, che avverte: di queste solo 99 mila sono donne, quindi meno di un terzo. Per il segretario Maurizio Landini nella manovra economica ci sono primi segnali positivi sulle pensioni ma è “insufficiente sulla rivalutazione degli assegni” e chiede una “vera riforma delle pensioni per dare garanzie ai giovani e rimuovere le differenze di genere”.

TRASPORTI, DE MICHELI: SÌ A MAREBONUS E FERROBONUS

Ci saranno le risorse in manovra per favorire il trasporto merci su treno e per mare. Il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli lo dice rassicurando l’Assemblea dell’Associazione logistica dell’intermodalità sostenibile. “Abbiamo costruito due emendamenti per la conversione della legge di bilancio”, spiega agli associati dell’Alis, riuniti a Roma. “Ora li porteremo all’attenzione dei colleghi di governo con le risorse che abbiamo trovato”, assicura.

CNA DENUNCIA: BUROCRAZIA SOFFOCA GELATI E PIZZE

Diminuiscono in Italia pizzerie, gelaterie e rosticcerie artigianali, nonostante siano in aumento gli italiani che consumano un pasto fuori casa. Tante piccole realtà ‘soffocate’ dalla burocrazia. Quasi un paradosso, denuncia la Cna, visto che la spesa annuale pro capite per mangiare fuori supera i 1520 euro l’anno. “La colpa e’ della burocrazia, capace di soffocare tutto”, dice il presidente degli artigiani Daniele Vaccarino.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»