A ‘Excellence 2019’ incoronato il miglior cuoco under 30 del Lazio

Il premio dedicato allo chef Alessandro Narducci, deceduto in unincidente stradale, va alla 22enne Yara Journo Barda
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ stata la 22enne Yara Journo Barda a vincere la ‘Race to the Stars’, contest per cuochi under 30 del Lazio che ha chiuso la tre giorni di Excellence, evento dedicato alle eccellenze enogastronomiche made in Italy che si è tenuto alla Nuvola all’Eur, a Roma.

LEGGI ANCHE: Agricoltura, Arsial protagonista a ‘Excellence 2019’ Roma con 35 aziende

“È stata tosta- il primo commento della giovane Yara- davanti a un tale livello dei giudici e in un contesto così importante. Sono felice di aver vinto e di proseguire la mia strada per diventare una grande cuoca“.

Sorriso timido e mani sapienti, l’aspirante chef ha preparato un colorito gazpacho di frutta e verdura che ha conquistato la giuria composta da 5 celebri nomi della cucina gourmet, tutti stellati: Fabio Cervo, Daniele Usai, Giuseppe Di Iorio, Paolo Gramaglia, Massimo Viglietti. Stellato sarà anche il ristorante che la accoglierà per uno stage di tre mesi: è questo infatti il premio al primo classificato della gara, giunta alla seconda edizione, che ricorda lo chef Alessandro Narducci, deceduto in un incidente stradale.

“Un grandissimo amico- ha ricordato Pietro Ciccotti, ideatore di Excellence- era anche un grande chef e avrebbe avuto un grande futuro. Quello che possiamo fare, visto che lui non c’è più, è ricordarlo ed essere concreti aiutando giovani ragazzi a inserirsi nel mondo del lavoro. Abbiamo investito con Regione Lazio e Arsial in questo contest- ha aggiunto- perché crediamo nei giovani e nella formazione. Il nostro territorio avrà un futuro migliore solo se giovani agricoltori, imprenditori e cuochi si formeranno nel modo giusto per valorizzare e rappresentare al meglio il territorio”.

Della stessa idea è il presidente di Arsial, Antonio Rosati, che ha assistito alla competizione assieme all’assessore all’Agricoltura del Lazio, Enrica Onorati, e ai genitori di Alessandro Narducci. “Questo contest per giovani aspiranti chef stellati, che ricorda un brillantissimo romano scomparso prematuramente, è una cosa a cui teniamo molto– ha detto Rosati- perché l’idea che ci anima come Arsial e Regione, è dare opportunità a ragazzi e ragazze che si mettono in gioco, e che vogliono diventare ambasciatori delle nostre eccellenze nel mondo”. Rosati, parlando al pubblico della finale, ha annunciato che il prossimo anno ci sarà una terza edizione del Premio. “È un contest bello, perché premia le nuove generazioni, premia l’innovazione, premia il cibo e la qualità dei prodotti- ha detto l’assessore Onorati- e unisce la voglia di investire nel futuro e la voglia di fare grande il Lazio e Roma nel panorama nazionale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»