Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Colonia i muezzin chiameranno i fedeli alla preghiera tramite altoparlanti

DITIB-Zentralmoschee Köln - April 2015
La sindaca Henriette Reker: "La nostra è la città della libertà e della diversità, è un segno di rispetto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Giulio Ucciero

ROMA – La moschea centrale di Colonia, la più grande della Germania, potrà chiamare a raccolta i fedeli tramite altoparlanti a seguito di un accordo tra l’amministrazione cittadina e la comunità musulmana. Sulla base dell’intesa, i “muezzin” delle 35 moschee della città avranno ora l’opportunità di invitare alla preghiera riproducendo il messaggio ogni venerdì, per cinque minuti, tra mezzogiorno e le tre di pomeriggio.

Colonia è la città della libertà (religiosa) e della diversitàha detto su Twitter la sindaca Henriette Reker, specificando che “molti abitanti sono musulmani” e che permettere questo gesto “è un segno di rispetto”.

L’accordo stretto con la comunità musulmana locale dura due anni, è rinnovabile e vuole portare a un miglioramento dei rapporti sociali attraverso la conoscenza reciproca.

Colonia, dove vivono circa 4,5 milioni di musulmani, è stata infatti fronte di tensione tra i partiti di estrema destra e le minoranze religiose. Stando ai media tedeschi, la stessa moschea centrale è stata al centro di polemiche a causa di finanziamenti erogati dall’autorità per gli affari religiosi del governo turco.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»