Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Google celebra il compleanno di Montale con un Doodle realizzato da un artista valdostano

google_montale_doodle
Per il 125esimo anniversario della nascita. L'illustrazione ad opera di Andrea Serio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Oggi Eugenio Montale avrebbe compiuto 125 anni e Google ha deciso di celebrare questa ricorrenza. Per farlo, il motore di ricerca più famoso al mondo ha incaricato l’artista valdostano Andrea Serio di realizzare un Doodle in suo onore. Serio ha firmato lavori pubblicati in diversi Paesi europei (tra cui Francia, Spagna, Ungheria, Taiwan, Norvegia) e di due graphic novel, “Nausicaa. L’altra Odissea” e “Rhapsodie en bleu”, liberamente tratto dal romanzo di Silvia Cuttin “Ci sarebbe bastato”, nato da un’idea di Igort e pubblicato da Oblomov. 

Nel doodle dedicato a Eugenio Montale si vede in primo piano il poeta, in elegante abito scuro con margherita nel taschino, intento a scrivere; a fare da sfondo il mare, tanto amato da Montale, con terrazzamenti e alberi tipici della macchia mediterranea, che riportano alla mente la Liguria, terra d’origine dello scrittore.

“Rinomato per la sua magistrale capacità di catturare le emozioni umane, Montale è ampiamente considerato uno dei più grandi poeti della storia contemporanea- scrive Google-. Nato in questo giorno nel 1896 nella città portuale italiana di Genova, Eugenio Montale intraprese dapprima la carriera di cantante d’opera baritono prima di trovare la sua vera voce di poeta. In una poesia da “Ossi di Seppia” (“Ossi di seppia”, 1925), la sua prima raccolta pubblicata, Montale ha usato la costa rocciosa italiana come simbolo per fornire sia ai suoi lettori che a se stesso una fuga dall’ansia dell’Italia del dopoguerra. Questa raccolta acclamata dalla critica differiva dal linguaggio stravagante delle poesie dell’epoca e rappresentava una svolta nella marea per i simbolisti letterari del XX secolo. Sebbene abbia rifiutato l’etichetta- si legge ancora nella nota di Google-, Montale è considerato tra i fondatori del movimento poetico modernista dell’ermetismo, uno stile letterario “ermetico” (nascosto o sigillato) spesso ottenuto attraverso analogie volutamente difficili da interpretare e vocabolario emotivo. Montale ha ottenuto fama mondiale per cinque volumi di poesia simbolista pubblicati durante i suoi 50 anni di carriera di scrittore. Inoltre, ha lavorato come saggista di fama internazionale, critico musicale e letterario e traduttore di classici inglesi che vanno da Shakespeare a Mark Twain. Nel 1975, il verso intransigente di Montale è stato riconosciuto al più alto livello quando ha ricevuto il Premio Nobel per la letteratura. Spesso citata nell’opera dei poeti moderni, la notoriamente difficile poesia di Montale continua ad avere un profondo effetto sul mondo letterario di oggi. Buon compleanno, Eugenio Montale!”.

Qui Eugenio Montale in un’intervista del 1959 realizzata per la rubrica televisiva “Arte & Scienza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»